Preparare un tronco per tornire una ciotola

Un pomeriggio io e il mio amico Andrea siamo andati al fiume in cerca di legno. Falcetto e sega a mano per i rami, motosega per il tronco. Avevamo addocchiato un vecchio salice sradicato da una piena e abbandonato sul bordo del ghiaione del fiume, a seccare da mesi.

Abbiamo tagliato un bel pezzo e l’ho portato a casa.

Per poter tornire una ciotola di dimensioni medie, tipo centro-tavola o soprammobile, e’ necessario un tronco di discrete dimensioni. Non eccessive, perche’ il mio piccolo tornio arriva al massimo a 30 cm di diametro, quindi il pezzo doveva essere necessariamente piu’ piccolo.

Innanzitutto e’ necessario “affettare” il tronco rimuovendo la fetta che include il cuore, perche’ e’ la parte destinata a piegarsi e fessurarsi nel giro di pochi giorni. Si taglia quindi il tronco in tre parti, la fetta centrale e le due parti laterali.

IMG_7814

Ho scelto poi la maggiore delle due parti laterali e l’ho sgrossata con la sega a nastro, utilizzando un disco di cartone come guida.  Nella foto qui sotto vedete la meta’ rimasta di sponibile, la fetta centrale da scartare e, a destra, la meta’ scelta per la ciotola, gia’ sgrossata sulla sega a nastro

IMG_7815

Per tagliare un pezzo di tronco “per lungo” e non per traverso, ho dovuto costruirmi un tavolino con due “ali” in legno che siano in grado i tenere fermo il tronco intero, rotondo, senza farlo scappare via quando inizio a tagliare.

Le due foto seguenti mostrano il tavolino montato (il tronco e’ solo poggiato per figura, lo scopo del tavolino e’ tagliare quella fetta a partire dal tronco intero) e il tavolino con le parti che lo compongono, ossia le due sponde laterali che tengono il tronco e i morsetti che li ancorano al piano.

IMG_7813 IMG_7816

E’ stato costruito con un tavolino di ferro recuperato a fianco al bidone dell’immondizia su cui ho inchiodato un piano di assi per preservare la catena della motosega.

Dopo tutto questo tagliare con la motosega, ho messo il pezzo sgrossato sul tornio e ho iniziato a lavorarlo. Sfortunatamente il salice e’ molto pesante e il mio tornio, temporaneamente su un piano non troppo solido, vibra quando il tornio supera i 2000 giri. Ho quindi sospeso la tornitura della ciotola in attesa di tempi migliori (nel giro di qualche mese), quando avro’ una base stabile e potro’ far girare alla velocita’ adeguata questo bel pezzo pesante di salice.

Vi aggiornero’ presto sulla parte di tornitura, intanto qui vi ho spiegato come ho sgrossato un tronco, dal fiume al tornio =)

ad maiora.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in legno, tornitura e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...